ULTIM'ORA

Benitez, alibi finiti: si vince con serietà e i migliori. Zitti!

Soccer: Serie A, Napoli -  Hellas Verona

di Paolo Paoletti - Una grande che smaschera Benitez. Contro il Verona sono emerse 3 verità:
1. devono giocare sempre i migliori, le seconde linee non solo all’altezza;
2. sulla squadra serve pressione e non il distacco dai fatti cui il tecnico richiama;
3. e Albiol devono essere richiamato costantemente all’ordine: i migliori/più pagati devono sentire la responsabilità del ruolo!

Il 6-2 non è vero come non lo era lo 0-1 subito dal : la partita l’ha persa il Verona quanto l’ha vinta il Napoli.
Finiti anche gli alibi dell’astinenza di Hamsik e : due a testa, ma il migliore resta Callejon che non sbaglia un colpo riuscendo anche a coprire. Meritatissima la convocazione in Nazionale che ripaga in parte la delusione per il no all’Atletico!

Un risultato così rotondo è sempre sintesi di grandi errori e grandi giocate: le seconde sono quelle di Halfreddson, Nico Lopez e Callejon.
I primi riguardano quasi sempre il Verona: difesa sbadata e sfortunata, per i rimpalli che hanno lanciato il pareggio di Hamisk e il primo del Pipita. Il secondo è in fuorigioco, mentre quello annullatogli è buono. Compensazione che non fa danni.
Non per questo il migliore in campo è stato Rel, quello dei veneti.

Mandorlini deve rivedersela bene questa partita: l’aveva in pugno, l’ha smarrita senza riuscire a tenere su la squadra: difesa troppo bassa, troppe conclusioni consentite agli azzurri, troppi traversoni sopratutto di Callejon, sempre pericoloso anche dalla linea di fondo.
Hamsik è tornato al dopo 11 mesi, non segnava da aprile!

La settimana di tensione ha fatto bene a tutti. Anche al blico che ha capito la differenza tra critica e .
Fin qui la menzogna di De Laurentis e Benitez ha malpagato, ora che tutto è chiaro e non c’è più niente da scoprire, il credito dei tifosi è aumentato a dismisura.
R non ha più niente da chiedere e molto da dare: , Albiol, , tutti quelli che volevano e vogliono andare via da Napoli – compreso il tecnico – se lo mettano in testa…ora bisogna essere seri. Napoli non può essere mortificata da bene interne tra milionari. A maggio se ne riparlerà!

N.B. Il silenzio stampa che il ha imposto ai giocatori è una ridicola ammissione di colpe: chi non sa gestire la pressione non è da Napoli e da grande . Se c’è qualcuno, invece, che ha da dire qualcosa di spiacevole, prima o poi verrà fuori. Che Benitez metta in rene il silenzio con le cose che si scrivono, è di una gravità inaudita: ognuno faccia il suo mestiere, i giocatori del Napoli continuino il silezio. Verrà il momento che cercheranno i media, allora ne riparleremo. Compreso Benitez.

NOTE. e Hamsik interrompono il digiuno e il San Paolo fa festa: 6-2 al Verona. Si mette subito male per gli uomini di Benitez, sotto dopo 26″: rete di Halfreddson. Il Rel veronese fa i miracoli ma non può nulla al 44′ su Hamsik. Che fa il bis al 13′ della ripresa. Nico Lopez appena entrato firma il 2-2 poi si scatena il Pipita con una tripletta. Alla festa del Callejon c’è sempre.

NAPOLI-VERONA 6-2
Napoli (4-2-3-1): Rel; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Jorginho (25′ st ), Lopez; Callejon, Hamsik, (33′ st Mertens); . A disposizione: Colombo, Andujar, Henrique, De Guzman, Mesto, Michu, Radosevic, Zapata. All. Benitez.
Verona (4-3-3): Rel; Sorensen (19′ st N.Lopez), Moras, Marques (28′ st Saviola), Martic; Tachtsidis, Hallfredsson, Brivio; Ionita, Gomez, Toni (18′ st Nenè). A disposizione: Benussi, lini, Jankovic, Luna, Valoti, Campanharo, Agostini, Gonzalez. All.: Mandorlini.

Arbitro: Gervasoni
Marcatori: 1′ Halfredsson (V), 44′, 13′ st Hamsik (N), 22′ st N.Lopez (V), 23′ st, 39′ st, 45′ st (N), 31′ st Callejon (N)
Ammoniti: Jorginho (N), Ionita (V)

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply