ULTIM'ORA

A Udine 3-0, Juve a -4: ora Parigi val bene una messa.

C_29_fotogallery_1023217__ImageGallery__imageGalleryItem_10_image

di Paolo Paoletti - Parigi val bene una messa, il Napoli l’ha officiata a Udine con 3 gol, 1 infortunio che un po’ allarma, il primo gol di Fabian Ruiz in ed il sospiro di sollievo tirato da ADL per i 30 milioni spesi!

Come Enrico Navarra si converti al cattolicesimo, questo Napoli si è convertito al turn over! Giocano tutti, il Napoli vince, Sarri è lontano. Forse…

Il Napoli passa anche a Udine, accorciando a -4 sulla ntus.
Alla Dacia Arena, gli azzurri di Ancelotti hanno battuto 3-0 l’Udinese.
Match sbloccato da un destro (!) all’incrocio dei pali di Fabian Ruiz al 14′ con lo spagnolo subentrato all’infortunato Verdi.
Nella ripresa la reazione friulana gelata dal raddoppio su rigore di Mertens (82′) e dal tris di Rog (85′).
Adesso De Paul e Fofanà sono più vicini…

Ruiz ha dimostrato di meritare il d’inventario sui 30 milioni pagati al Betis!
Mertens conferma di trovarsi meglio quando gioca solo solo al centro dell’attacco.
Rog non si fa passare la mosca al naso: scalpitava per entrare, ha segnato dopo qualche minuto in campo. Fortunato e testardo!

Ancelotti ha preservato , perde Verdi non si sa ancora per quanto; Meret è pronto a tornare, Goulam s’avvi, meglio che tutti si raffreddino: era arrivati a Udine molto motivati, la sosta ha fatto più bene che male, la classifica mette tutti d’accordo.

Il Napoli è secondo, ha rosicchiato 2 punticini ai bianconeri, si è allenato per la trasferta di Parigi, dove Carletto è atteso dopo uno degli più dolsi, ma anche perchè è scchio del girone di ferro di Champions.

Champions e , nelle pme 2 ci si gioca molto: Verdi aveva lanciato la sfida per capire bene il Napoli. Lo faremo tra 180′. Che lui probabilmente non giocherà per l’infortunio di Udine.

Le perplessità restano sulla tenuta alla distanza: questo Napoli sta rifacendo ciò che è già stato con Sarri. Vedremo.
Ancelotti si conferma una gaa, almeno in una classifica che assegna il delle seconde.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply