ULTIM'ORA

Fuori anche Ribery? Belgio vero outsider, Usa ok, male Germania.

ribery.francia.2013.2014.356x237

di Paolo Paoletti Jr – La stampa francese scrive: Frank Ribery rischia di sale i in . L’attaccante del soffre di forti dolori alla schiena. Il ct Deschamps deciderà lunedì se inserirlo nella lista dei ‘brasiliani’. Ribery ha assistito dalla tribuna a Francia-Paraguay, prestazione preoccupante dei galletti con un anonimo 1-1. A pochi minuti dall’inizio dell’amichevole lo stesso giocatore non si è sentito di assicurare i si: “Non so se potrò andare in , la mia situazione è molto complicata”.

Vincono invece Belgio e Usa, pari della Germania.
Etò punge i tedeschi, Klisman zittisce la critica americana, il Belgio si conferma outsider in .

Ecco le amichevoli pre della domenica.

FRANCIA-PARAGUAY 1-1. Niente da fare, la Francia non convince. I Bleu, impegnati stasera in uno degli ultimi test pre- contro il Paraguay, infatti, pareggiano per 1-1 dopo essersi portati in vantaggio a dieci minuti dalla fine grazie al goal firmato Griezmann. L’avventura brasiliana, insomma, non comincia sotto i migliori auspici.

La di Deschamps, priva di Ribery, non riesce mai ad imprimere decisi strappi al ritmo della gara. Il tutto nonostante in campo ci sia anche la stellina Pogba, molto convincente nella precedente uscita contro la Norvegia. Nel tridente d’attacco, Remy, fa rimpiangere l’esterno del Bayern. E proprio il suo sostituto, Griezmann, si rivelerà poi l’uomo del match, siglando il goal che potrebbe regalare la vittoria ai Bleu. Potrebbe, appunto, se il paraguaiano Caceres non trovasse la via di un pareggio tutto sommato meritato quasi allo scadere.

Prima dell’amichevole di stasera, però, a preoccupare la Francia intera sono state soprattutto le dichiarazioni tutt’altro che rassicuranti rilasciate da Ribery sulla propria condizione fisica. Deschamps, ovviamente, si augura ancora di recuperarlo in tempo per i . Anche perchè, come dimostrato oggi, una senza di lui difficilmente potrebbe andare molto in fondo alla competizione iridata.

GERMANIA-CAMERUN 2-2. E’ un test pre-Mondiale molto importante quello che è andato in scena a Moenchengladbach. Si sono infatti sfidate Germania e Camerun, ovvero due squadre che parteciperanno a 2014.

A Bo Park partenza fulminea della tedesca che già al 2′ è adanta vicinissima al vantaggio con un Ozil stranamente impreciso da posizione favorevolissima. Al 4′ squadra di Low ancora ad un passo dall’1-0 con Mertesacker che sugli sviluppi di un corner svetta su tutti ma viene fermato dalla traversa.

La gara sembra a senso unico, la Germania macina gioco e al 12′ è Gotze a cogliere il palo su assist di Muller. Il Camerun prova a scuotersi e al 20′ si fa vedere dalle parti di Weidenfeller che è però bravo a bloccare la conclusione di Eto’o.

Dopo qualche minuto di leggera sofferenza, la Germania si rimette in carreggiata e prima è Reus a chiamare Itandje all’intervento, poi è Khedira a sfiorare la rete. L’ultima azione pericolosa del primo tempo è però dei Leoni Indomabili con Weidenfeller che è super nel fermare Moukandjo.

L’inizio di ripresa è ancora di marca tedesca ed è lo scatenato Reus ad andare vicino al goal con una splendida conclusione di destro. La Germania spinge sull’acceleratore ma al 63′ è Eto’o a sbloccare le marcature con un guizzo da grande attaccante d’area qual è.

I ragazzi di Low non ci stanno, la reazione è veemente e già al 66′, su un cross di Boateng, Muller di testa realizza l’1-1. Al 68′ entra in campo Podolski e l’attaccante dell’Arsenal è subito grande protagonista 2′ dopo quando serve a Schurrle il pallone che vale il sorpasso. La Germania si porta sul 2-1 ma la rete sembra viziata da fuorigioco.

La partita è bella, le due squadre corrono e sembrano già in condizione e il Camerun non demorde. Al 79′ infatti arriva anche il goal del 2-2 con Choupo-Moting che approfitta di una difesa tedesca immobile e realizza con un preciso diagonale. Palla al centro e la Germania ci riprova con Muller, il suo pallonetto finisce di un nulla alto sulla traversa.

E’ l’ultima vera emozione del match, Germania-Camerun finisce 2-2.

SVEZIA-BELGIO 0-2. E’ un Belgio che fa paura quello capace di battere la Svezia, con Ibrahimovic in panchina, per 0-2. La di Wilmots, così, conferma la propria candidatura a grande sorpresa dei brasiliani, spaventando le favorite e Spagna.

A indirizzare il match è l’ottimo Lukaku , che mette il timbro sulla gara al minuto trentaquattro. Nelle file del Belgio, in campo dal primo minuto il napoletano Mertens, schierato sulla stessa linea di De Bruyne e Hazard, sempre al centro del .

La reazione della Svezia non dà i risultati sperati dai padroni di casa che, con Ibrahimovic spettatore in panchina, faticano a rendersi pericolosi dalle parti di Courtois, ben protetto dalla cerniera composta da Van Buyten e Kompany. Nel finale, anzi, è proprio Hazard a firmare il meritato goal del raddoppio che chiude definitivamente i conti a favore del Belgio.

USA-TURCHIA 2-1. Continua nel migliore dei modi l’avvicinamento al Mondiale degli Usa che in amichevole superano per 2-0 la Turchia. Il commissario tecnico Jurgen Klinsmann risponde, così, alle critiche ricevute per aver lasciato a casa l’idolo della seria Donovan.

Dopo un inizio di gara equilibrato, con occasioni da una parte e dall’altra, è la formazione americana a sbloccare il risultato con Johnson che, ben servito dall’ex nista Bradley, trafigge Kivrak con una conclusione secca e precisa.

All’inizio della ripresa comincia la solita girandola di cambi ma la situazione non cambia: gli Usa sono padroni del campo. E dopo pochi minuti arriva la firma di Dempsey che da posizione propizia non fallisce e, di fatto, mette il risultato in cassaforte.

Al 90′ arriva la rete della Turchia che riduce lo svantaggio. Il difensore statunitense Cameron colpisce la palla di mano in area di rigore e per l’arbitro non ci sono dubbi: è penalty. Sul dischetto si presenta Inan che trova l’anino giusto. Il match si chiude tra gli applausi del pubblico presente.