ULTIM'ORA

Bayern-Higuain? Pipita smentisca e DeLa rinnovi.

Higuain-De-Laurentiis

di Paolo Paoletti - Più che prevedibile, scontato! Ancelotti vuole al Bayern? UN tecnico del suo valore, se perde Lewandowsky che va al Real Madrid non poteva che scegoiere il miglior attaccante della .
Da ridere la clausola da 94 mln, Carleto sa benissimo dell’art 17 che sarà arma di trattativa con il placet del Pipita.
Questa voce da l’esatta dimensione di cosa è il Napoli: squadra di seconda fascia in Italia, club di terza-quarta in Europa, come affermna la partecipaziuone all’Eurooa League.
La mancata Champions è solo uno dei motivi che spingerà lontano da Napoli: soldi, prestigio, Seleccion gli altri. Diffi continuare a fare la figura dell’ultimo arrivato se perfino Dybala appena bianconero è stato chiamato da Tata Martino…

Ancelotti perse a Madrid, lo rivuole a Monaco per confrontarsi con il di Pep Guardiola. Deve vincere subito e tutto, non fa neanche per lui. Quindi chi assicura 25 gol in Italia è l’uomo giusto.
getta acqua sul fuoco, con i salamelecchi all’argentino e famiglia, ma gli approcci con il Bayern Monaco sono già iniziati, forse anche le prime trattative.
Per non rovinare l’annata, ha 2 possibilità:
1. ammettere e spiegare il suo futuro tedesco;
2. rifiutare e mantenere il no pubblico ad Ancelotti.

PORTE APERTE. Quelle del Bayern, come quelle del Napoli, saranno girevoli come al Grand Hotel.
Rafael, Henrique, De Guzman e Zuniga sono i partenti azzurri annunciati, diffi per Giuntoli riuscire a piazzarli.
Gennaio è il banco di prova per il nuovo DS, che fa bene a non farsi vedere e men che mai farsi sentire: dai 4 dell’apocalisse DeLa pretende almeno 10mln, un sogno. E Sabatini – uno vero, che sbaglia ma sa recuperare – ha anche bruciato la pista inglese, recapitando Iturbe per 24 mln tra prestito e diritto di riscatto in Premier League.
Con i 4 ‘incedibili’ via anche i giovani Luperto e Dezi aggregati alla prima squadra: dovrebbero andare a fare esperienza.

Di problemi ce ne sono eccome: il primo è Gabbiadini! Poi i tanti rinnovi…
Un paio di settimane fa è arrivato a Napoli Manuel Garcia Quilon, agente di Albiol e Callejon, per affrontare la questione. Come stanno facendo Jorginho, Koulibaly, Goulam.
Ma la questione Gabbia è impellente: L’infortunio è smaltito da tempo, eppure non è mai stato convocato. Non accetta più di fare la riserva, non vuole perdere l’occasione degli Europei. Da mesi la situazione di Manolo è monitorata dalla Fiorentina, adesso se fatto avanti ufficialmente anche il Bologna dove ha già giocato.
L’Inter è la destinazione preferita, ma rinforzare la concorrenza non è cosa giusta.
Gabbiadini non sarebbe sul mercato, a parole. Il Bologna non mollerà, e fa leva sul giocatore.
Va da sè che l’assalto al Napoli non si ferma a Gabbiadini.
In come in , Insigne è seguito con grande interesse. Ad oggi ha un contratto migliorabile da Borussia Dortmund e Arsenal, ma se si comincia a parlare adesso, si potrebbe fare in estate.

Quindi anche Valdfiori scalpita, o di e Palermo.
Come sempre il Napoli deve prima vendere per acquistare e qui casca l’asino. C’è urgente bisogno di 3 nuovi titolari:
1. un difensore rapido nei 16 metri, l’identikit è quello di Murillo: non fa;
2. un centrocampista che possa avvicendare Allan e ed il nome è uno solo: Banega del Siviglia;
3. un attaccante, un po’ trequartista, un po’ seconda punta che consenta di passare al 4-3-2-1 con efficienza ed efficacia. Uno che sa giocare spalle alla porta, saltare l’uomo, porgere assist, fare gol. Magari anche di testa.

L’esame qui è sopratutto per : deve comprare 3 di livello e accordarsi con fino a fine maggio.
Anche accettando l’addio con il massimo impegno per ottimizzare la . L’errore è stato non rinnovare il contratto del Pipita prima della Copa America. Al terzo anno, senza rinnovi, non si ha più il manico del coltella.
Se sbagliarà, sapremo con chi prendercela.