ULTIM'ORA

Stop provincialismi, Sacchi ha il diritto dovere di critica!

sacchi

di Paolo Paoletti - Egregio Direttore Paoletti,
sono davvero nauseato nel vedere i vergognosi peana rivolti al Napoli dopo la normalissima contro una Dinamo , degna esponente di un girone ridicolo.

Si sbandiera ai quattro venti l’idea di un Napoli più forte senza Higuain, ma nessuno pone l’accento sul fatto che la squadra azzurra ha sinora affrontato avversari a dir poco deboli.

La favola della volpe e l’uva si ripropone sempre più attuale, ma io mi attengo ai numeri e 36 gol non sono facilmente cancellabili anche come peso di punti in classifica, inoltre il polacco ha avuto la fortuna di incontrare difese più adatte al presepe di S. Gregorio Armeno che a un campo di calcio, del resto viene da un olandese nel quale i sono come birilli.

Ci si prepara ad un’altra annata “trionfale ” fatta di “fantastici piazzamenti da festeggiare” e di “eliminazioni meravigliose”, mentre le vittorie – quelle vere – prenderanno altre strade, le solite…poi inizierà la caccia all’ o alla luna nera per trovare le scusanti più fragili e assurde, questa trama sta diventando davvero noiosa!
Grazie e a presto!
Pasquale Di Mattia

Questo è il commento ricevuto e pubblicato di un napoletano, tifoso del Napoli residente a Roma, che spiega come serva una distanza per capire come stanno effettivamente le cose del Napoli!
La gara di l’hanno vista tutti e scagliarsi contro Sacchi – come racconta un sito napoletano – è il disastro in cui è caduto il smo a Napoli più che in altre parti d’Italia.

I motivi sono essenzialmente 3:
1. Non esistono più editori. Si producono opinioni sfuse e a pacchetti per gli interessi di chi paga, distruggendo il diritto- dovere di cronaca orientato sempre e comunque alla ricerca della verità!
2. La televisione paga cifre inenarrabili per ottenere i diritti del calcio – italiano e internazionale – quindi ciò che ascoltiamo in tv deve forzatamente difendere e sostenere un prodotto carissimo, al di là di meriti e valori oggettivi.
La pay tv, Sky e Premium, dovranno fondersi istituzionalizzando un monopolio di fatto in essere da anni a diretto discapito di chi vuol sapere come vanno le cose nel calcio. Protette e difese a spada tratta, nell’ordine di tifoseria: Juventus, , Inter, Napoli, Roma perchè sono la summa degli abbonati al calcio a pagamento e non si può vendere a chi compra ciò che non gradisce, anche se si stratta della verità!
3. Le tv regionali fanno ancora peggio: non c’è produzione se non c’è sponsorizzazione. Gli sponsor non pagano per sentire che il Napoli va male, è mal gestito, non può vincere. Non si può dire la verità su , si partecipa alle trasmissioni nella misura in cui si fa il gioco del carrozzone del gradimento emotivo e non del reale consenso che deriva da credibilità e autorevolezza.

Il Napoli a ha giocato molto al di sotto delle suo potenziale. Il perchè lo spiego a parte.
E’ bastato comunque per vincere contro un avversario modesto.
In Champions, nella fase a gironi, contano solo i risultati, poi i valori reali emergono dagli ottavi in poi.
Il Napoli non ci è mai arrivato e chi sottolinea gli errori di approccio, di gestione della gara, di personalità che lo stesso Sarri ammette, diventa un nemico.

Sacchi è un competente, non un nemico di Napoli e dei , come chiunque ricerchi la verità.
Sarri ha svelato che se fa l’allenatore lo deve a come il gioco di Arrigo cambiò il calcio italiano.
Smettiamola con questo bieco provincialismo e parliamo di calcio e del Napoli liberamente!!!

Mentre i facessero i , lontano dagli spazi che devono occupare soltanto le opinioni espresse da chi ha curriculum e chiara fama per farlo!