ULTIM'ORA

Assemblea Milan il 3. 03, China Bank nega!

url-5

di Nina Madonna - AC informa: “per quanto disposto dall’azionista di maggioranza ninvest S.p.A., l’assemblea dei soci avrà luogo in seconda convocazione il 3 marzo 2017 alle ore 09.30 presso Casa , via Aldo Rossi 8, o”.

L’assemblea dei soci del , convocata inizialmente in prima chiamata l’1 marzo e in seconda chiamata il 3 marzo, avrà luogo nella seconda data indicata da ninvest. L’assemblea dei soci di domani mattina andrà dunque deserta come già previsto.

Perchè? In queste ultime ore si è creato un clima di incertezza intorno alla data di venerdì 3 marzo, entro cui Sino-Europe s dovrebbe versare i 320 milioni di euro necessari per ultimare il passaggio di proprietà.

Voci che ipotizzano anche un cambio nel gruppo di investitori cinesi o un ennesimo slittamento del closing per problemi di natura economica.
Il del conferma l’assemblea dei soci il 3 marzo a Casa .

“Non sappiamo niente dell’investimento di China Merchant Bank nel ”. A parlare è la responsabile delle bliche reni della banca che, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe stata presente nella lista nale dei nomi che compongono la cordata di Sino Europe (Ses), il consorzio guidato da Li Yonghong che entro il 3 marzo – data del closing – dovrebbe acquisire il controllo del club rossonero.

Secondo quanto emerso nora, la lista vedeva China Construction Bank, China Merchant Bank e una società di Hong Kong, andarsi ad aggiungere ai nomi dati per certi nelle ultime settimane, quelli di Haixia Capital e Huarong. Ma dopo la smentita di Huarong (colosso nanziario blico che opera nel segmento del debito “distressed”) resa nota da Insider, anche China Merchant Bank si sla ora dalla cordata.

Contattata da AgiChina, la responsabile delle bliche reni dell’istituto ha spiegato l’impossibilità per una banca privata cinese di investire in un club calcistico straniero. “Siamo quotati in Borsa, quindi trasparenti – ha detto – una notizia del genere, se fosse stata vera, sarebbe stata già resa blica”.

Mentre il closing si avvicina, dunque, aumentano i dubbi sui nomi degli investitori cinesi interessati a rilevare il . Sembra che arriveranno da Hong Kong i soldi con cui verrà saldata la caparra: ai 200 milioni di euro già versati, se ne aggiungeranno altri 320, cui vanno sommate le garanzie bancarie, arrivando così a un totale di 700 milioni. Senza cone il ripianamento delle perdite del club, nonché adeguate garanzie sui futuri investimenti.

Di recente sulla stampa italiana si sono rincorse voci su possibili forme rateali di pagamento, facendo quindi dubie che i nuovi investitori siano realmente in possesso della liquidità necessaria e della garanzie bancarie sufcienti a chiudere l’operazione nei termini indicati dalla lettera di intenti rmata il 5 scorso.

Sul rido del closing, slittato diverse volte, pesano vari fattori: primo fra tutti, la stretta sulla fuoriuscita di capitali imposta dalle autorità cinesi a partire da ne novembre scorso, che per il consorzio Ses si è tradotto in lungaggini burocratiche. In assenza delle autorizzazioni da Pechino, Ses ha percorso una strada parallela, impegnando capitali che sono già fuori dalla Cina.

“Sono soldi dei medesimi investitori che compongono la cordata”, hanno detto fonti vicine all’operazione, “ma non sappiamo se appartengono a tutti i soci o solo ad alcuni di questi, ovvero coloro che avevano capitali già disponibili all’estero”. L’obiettivo iniziale di Ses sarebbe stato quello di quoe il in una delle Borse cinesi.

“Le banche cinesi generalmente comprano altre istituzioni nanziarie oppure immobili a proprio uso”, ha spiegato Alberto Forchielli, fondatore del Fondo Mandarin, il primo fondo di private equity ad aver ottenuto capitale in gestione dal governo cinese. “Soprat in un momento in cui il governo di Pechino ha imposto norme restrittive agli investimenti outbound, frenando gli investitori soprat nel settore calcistico, sarebbe inverosimile che una banca privata come China Merchant decidesse di aggirare il dictat di Pechino”.

Senza dimenticare che gli istituti di credito cinesi hanno un problema fondamentale di solidità nanziaria, in quanto pesa su di esse l’incognita sul valore dei crediti. “Non ho mai sentito di una banca cinese che abbia concluso operazioni di equity in soggetti che non fossero altre istituzioni nanziarie”, ha aggiunto Forchielli. Si tratterebbe dunque di un’operazione “sconveniente dal punto di vista nanziario, le e politico”.