ULTIM'ORA

Sacchi e i mali del Napoli: giocatori inadatti! E poi…

BENITEZ-SACCHI-1

di Nino Campa – Il toppa la partite decisive, perchè?
Spiega Arrigo Sacchi: “Il non è quello di due mesi fa. Non riconosco questa squadra, bisogna invertire la tendenza prima che sia troppo tardi, senza uscita”.

Come è possibile che giudichi positivamente la gara di Dortmund…
“Ci sono delle cose che hanno funzionato ma tante altre non sono andate nel verso giusto. L’avvio mi è piaciuto, nessun timore reveale, grande compattezza in campo, possesso palla e giusta mentalità. Ma tutto è durato appena dieci minuti: dopo il rigore non s’è più vista la stessa squadra”.

Che fare?
“Ho visto giocatori in grande difficoltà nell’pretazione della zona, non so se è una questione di posizionamento sbagliato ma è evidente che si tratta di errori gravi che si ripetono frequentemente”.

Colpa dei giocatori o dello schema?
“Giocatori non adatti al tipo di gioco che ha in mente . La fase difensiva lascia molto perplessi”.

Fin qui ciò che Arrigo Sacchi può dire, avendo espresso chiaramente il concetto.
Ma c’è altro…
Quando si lascia Vidal alla , giocatore completo e universale. Quando si fa il prezzo di vendita per cedere Lavezzi e Cavani. Quando si accetta Reina per 1 solo anno, stabilendo che a soli 5 milioni va al , chi è il primo colpevole se il continuarà a fallire gli appuntamenti decisivi?

Ecco ciò che bisogna dire: ogni mossa di è finalizzata all’incasso personale. Ne dice di ogni per coprire le sue nefandezze.
Sparla dei procuratori ma dovrebbe inginocchiarsi a Jorge Citeszpiller che fece prendere Lavezzi a 4 soldi.
Ha accusato di che volle, fortissimamente volle Cavani, pagato in 5 anni e rivenduto a 5 volte di più.
Prima più che poi litigherà anche con , al quale ha promesso mari e monti per lasciarlo in braghe di tela con una squadra senza testa e senza coda.

Certo mettere in mezzo anche un volpone come Rel non è da tutti ciò ma anche l’ultima su Gonalons dice che il tecnico spagnolo avrà vita breve.
E Arrigo lo avrà certamente avvertito.