ULTIM'ORA

Ancora Putin al 76%, con lui 56mln di russi!

Vladimir Putin supporters celebrate Putin's victory

ANSA - Vladimir Putin ha vinto le elezioni con il 76,6% dei . Lo fa sapere la Commissione Elettorale Centrale diffondendo i dati al termine dello scrutinio.
Ora la Commissione ha 10 giorni di tempo per presentare i dati denitivi. L’affluenza è stata invece del 67,49%. Il vice presidente della Commissione Elettorale, Nikolai Bulaev, ha sottolineato che “56 milioni di russi” hanno votato per Putin, ovvero il record assoluto nella storia delle elezioni presidenziali russe. Così Interfax.

“Vi ringrazio: il successo è il nostro destino”, ha detto Putin parlando alla folla riunita al Maneggio, a due passi dalla Piazza Rossa, nella gelida notte moscovita. Il risultato, per quanto cercato con attenzione dagli specialisti del Cremlino, senz’altro è stato influenzato dallo scontro con Londra sul caso dell’ex agente dell’intelligence di Mosca Serghei Skripal. Il portavoce della campagna elettorale di Putin, Andrei Kondrashov, non s’è tenuto e ha ringraziato pubblicamente il britannico Theresa May per aver fatto impennare l’affluenza. “Ancora una volta la Gran Bretagna non ha capito la mentalità della : se ci accusano di qualcosa in modo infondato, il popolo russo si unisce al centro della forza e il centro della forza oggi è senz’altro Putin”.

Il ‘presidentissimo’, parlando al suo comitato elettorale, per la prima volta è intervenuto sulla questione e ha denito “una sciocchezza” ritenere la colpevole della di Skripal a pochi giorni dalle elezioni e prima della coppa del mondo. L’affluenza, dicevamo. E’ l’altro corno dell’ormai celebre ‘formula della rielezione’ elaborata – dicono i rumors – dal vice capo dell’amministrazione presidenziale, Serghei Kirienko.

L’effetto-Skripal, ad ogni modo, si è senz’altro visto nel voto dei russi residenti all’estero, con le lunghissime davanti alle missioni diplomatiche (comprese Milano e Roma, dove sono addirittura nite le schede elettorali). In Ucraina, invece, i russi non hanno potuto votare poiché le forze di sicurezza hanno piantonato consolati e ambasciata. Il ministero degli Esteri l’ha denita una mossa “ille” e la Commissione Elettorale ha promesso di lamentarsi ufcialmente con l’Onu e altre organizzazioni internazionali. Kiev è particolarmente furiosa con il Cremlino poiché ha organizzato le elezioni proprio nel giorno del quarto anniversario dell’annessione della Crimea, che per la prima volta dal stato referendum del 2014 ha potuto votare alle presidenziali. E qui – stando agli scrutini – Putin è risultato vittorioso con percentuali nordcoreane superiori al 90%.

La domanda, a questo punto, sorge spontanea. regolare? La Commissione Elettorale Centrale guidata da Ella Pamlova sostiene ovviamente di sì. Come pure l’associazione indipendente Golos, che da anni monitora le elezioni in . Il suo co-presidente, Grigory Melkoniants, all’ANSA ha confermato che le segnani dei brogli sono “in diminuzione” rispetto a passato.

Non la pensa così però Grudinin, il primo degli scontto, che ha liquidato le elezioni come “le più sporche nel territorio dell’ex Unione Sovietica: purtroppo ha avuto ragione Alexei Navalny”. Ovvero il convitato di pietra di questa tornata elettorale. Mentre era in diretta su YouTube, il blogger e oppositore, che ha disseminato in giro per la i suoi osservatori, ha ricevuto una visita a sorpresa di Ksenia Sobchak, la ‘Paris Hilton’ russa autonominatasi candidata dell’ opposizione, che ha da poco fondato un nuovo partito con il noto ex deputato indipendente Dmitri Gudkov.

“Alexei – lo ha esortato – cooperiamo dopo le elezioni, facciamolo per i nostri sostenitori”. L’avesse mai fatto. Navalny ha risposto in modo rabbioso. “Se pensi che io possa credere alle tue menzogne sull’unire l’opposizione, la risposta è no: tu sei parte dell’operazione che mi ha escluso dalle elezioni, sei disonesta e ipocrita”. La gustosissima zuffa è andata avanti per mezz’ora. Putin intanto veleggiava sereno verso il quarto mandato: ormai zar al cubo. Il risultato promette di essere il più consistente mai raggiunto da un presidente nella storia moderna della .