ULTIM'ORA

Anche Setien esordisce: miglior Napoli, noi soliti!

180709373-e25895a4-f3e5-45b1-bf98-c6d821162e3b

di Carmen Castiglia – Esordio in Champions League da allenatore anche per Quique Setien tecnico del . Come Gattuso ma in casa del
“Mi aspetto la versione migliore degli azzurri, sarà una grande partita e un’emozione speciale per me”. I
Il viene da due eliminazioni consecutive in Champions: “Ce lo ricordiamo tutti, prima dalla Roma e poi dal . Siamo in un momento positivo e vogliamo continuare a giocare bene. Faremo la nostra partita, aiamo le qualità per fare male al ”.

“Ai miei giocatori dico sempre di scendere in campo aspettandosi la migliore versione dell’avversario. Per entrambe le squadre sarà una partita diffi, ma ce la giocheremo e spero che il possa giocare al meglio. Aiamo visto tutti cosa sono capaci di fare contro squadre di grandissima qualità, quindi sicuramente giocheranno al massimo”.

Due debutti Champions.
“E’ una motivazione speciale, sicuramente una emozione per me in uno o caldo come questo, pieno di storia e passione. Spero che possa essere un debutto da ricordare. Sono onorato che un grande giocatore e un grande allenatore come Gattuso aia avuto parole positive su di me e sul mio lav. Ricordo bene il doppio turno contro il Milan, fu una grande serata e spero possa esserlo anche domani”.

Ma è una sfida anche tra due visioni del calcio: Setien e Gattuso hanno stili di gioco diversi: “Ogni allenatore ha il suo modo di concepire il calcio, con le proprie sfumature. Non esistono allenatori uguali. Sia io che lui però stiamo provando a fare capire i nostri concetti ai giocatori, seppur in situazioni diverse, e ci vuole tempo. Ruiz? Sta crescendo, sono molto contento per lui. E’ un grande calciatore oltre che una bella persona, umile”.

L’obiettivo è vincere già a : “Non cambia, noi lavoriamo per trovare la porta avversaria. Vogliamo essere coraggiosi e proveremo a fare la partita come sempre. Aiamo le capacità e l’autorità per imporre il nostro gioco ovunque facendo male all’avversario”. Subito dopo ci sarà il : “Prima affrontiamo questa sfida, poi ci penseremo”. giocherà nello o che fu di : “Due giocatori che non si possono comparare. Leo è da 14-15 anni a livelli altissimi, questa è la differenza con gli altri giocatori. Non aiamo mai visto un giocatore con la sua continuità”.

Sulla trasferta in Italia c’è l’ombra Crus che sta creando problemi al Nord: “Non sono preoccupato per la mia squadra, ma voglio esprimere la mia solidarietà per tutte le persone colpite, è una cosa che può succedere a chiunque, ma sono preoccupato per le persone colpite. A noi hanno solo misurato la fere”.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply