ULTIM'ORA

Dilma piange: è ‘Mineirazo’, rabbia e scontri.

void(0)-1

di Ipa del Mar – “Mi dispiace immensamente per tutti noi si e per i giocatori”, così su Twitter la presidente brasiliana Dilma Rousseff ha commentato la disfatta contro la .

Giornata storica a Belo Horizonte, dove è andato in atto un vero e proprio ‘Mineirazo’: al 29′ la va in vantaggio per 5-0 sul . Il blico, già ammutolito sul 2-0 di Klose, ammutolisce, molti (specie bambine e donne) piangono mentre altri già lasciano lo stadio. Altri si sfogano urlando insulti contro Scolari. Sul web intanto si scatena l’inferno. E su Twitter iniziano a girare sfottò su sfottò.

Dal sogno del trionfo in casa all’incubo di una cocente scontta: il 5-0 inflitto dalla al alla ne del primo tempo sta già gettando nel panico i 200 milioni di si della ‘Selecao’. Pianti, di disapprovazione, schi, insulti all’indirizzo del ct Luiz Felipe Scolari e persino della presidente della Reblica, Dilma Rousseff, sono le reazioni in corso dentro e fuori dallo stadio di Belo Horizonte.

Nel ‘Mineirao’ c’è già chi ha abbandonato le tribune subito e chi, per rabbia e frustrazione, provoca il confronto sico con altri , o prende a calci tutto quello che gli si presenta davanti. Tre si sono stati intanto fermati dalla polizia dopo aver dato vita a una scazzottata. Un uomo è stato invece arrestato per danni al patrimonio, mentre una donna, svenuta, è stata portata via dai paramedici. Animi surriscaldati in tutte le regioni del gigante sudamericano, a cominciare da Recife, nella cui sede della fa Fan Fest si registrano i primi tumulti.
E l’aria esplosiva fa tornare alla mente il ‘’, la tragedia del 1950 che provocò anche molti suicidi.

A un’ora dall’inizio della partita, per la prima volta da quando è stato messo fuori dalla ginocchiata di Zua, Neymar si è manifestato tramite network per ringraziare tutti coloro che lo hanno sostenuto in queste ore per lui e per spronare il . “Tifate tutti no all’ultimo istante – scrive su Instagram alla’torcida’- perché domenica desidero molto stare con i si e i miei compagni sul campo del Maracanà: Dio è grande!”.