ULTIM'ORA

Ancelotti torna a Sarri: 4-3-3 per l’Arsenal!

napoli.esultanza.gruppo.chievo.2019.750x450

di Paolo Paoletti - Ancelotti è alla resa dei conti. Giovedi si può definire la sua prima stagione a , ritorno in Italia dopo 9 anni!
Allora è necessario cambiare più di qualcosa, non per battere un Chievo inerme e già in serie B (aritmeticamente da adesso, sostanzialmente già da mesi) ma per sperare in una rimonta che tutto il popolo napoletano aspetta e chiede!

Dopo l’ e il Genoa, partitacce, Ancelotti arriva alla sfida con l’Arsenal con l’acqua alla a. Al punto da convincersi a rimangiarsi quasi tutto, inventarsi un po’ di novità, e tentare di non dover bittare la stagione a più di un mese dal termine.

Il gioca a Verona, ma, è evidente che i pensieri sono tutti per l’Arsenal.
Non è più massiccio turn-over, ma profonda rivoluzione. Di pensiero. Di azione.

Il passa dall’ingessato 4-4-2 al 4-3-3 di Sarri.
Tant’è che la difesa si ritrova spesso a tre perché Ghoulam fa il vecchio Ghoulam sulla fascia sinistra: attacca e crossa.

E novità ci sono anche in mezzo al campo, dove parcheggiato Allan, Zielinski fa il centrale con Fabian e ai lati. Per riscoprire l’ a tre, affinchè contro l’Arsenal possano esserci si , sia .

Il Chievo? C’è, anzi no.
Depresso per la retro dopo 11 anni consecutivi in . Meglio del Verona.
Ed il prova il con Zielinski (6’), poi con (11’), Prima di centrare con Koulibaly su ano battutto da ‘Ciro’.

E su corner è una novità.

Potree fare di nuovo , il . Ma Chiriches riesce a sbagliare da due passi. E poi Milik, sempre di testa, carezza la traversa.

In vantaggio s’allenta la pressione, si ricade nel gioco orizzontale per avvicinarsi a Sorrentino ed è pessima idea. Che fa diventare pessima una partita sulla carta inutile. E forse per questo la partita diventa anche un po’ noiosa.

Milik risveglia tutti tranne Sorrentino e con un sinistro da lontano lo beffa Sorrentino.
Il chiude la pratica. E Ancelotti tira via e Fabian Ruiz, per Allan e Younes.

Legittimamente si pensa a giovedi all’Arsenal.
Però Koulibaly ne approfitta per la prima doppietta italiana. Anzi della carriera. Di sinistro. Forte.

Ma non è l’ultima nota perchè il Chievo, perfino questo Chievo, riesce infatti a fare al !
Ci pensa Cesar a firmare i saluti alla .

Tre sentenza: il Chievo è in serie B; la Juve rdeve rimandare le celebrazioni dell’Ottavo; Ancelotti si rimangia se stesso.
Contro l’Arsenal nella notte del tutto o niente si torna a Sarri, al 4-3-3: Di Ancelotti non c’è stato niente. Se non la scaltrezza di tornare al miglior della , quello dei 91 punti.
La porta dell’Europa non s’è ancora chiusa.

Aspettiamo!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply