ULTIM'ORA

All’Etihad Sarri lancia le sue ‘facce di cazzo’!

Sarri-C-on-feren-za-750x422

di Mary Bridge – All’Etihad , s’attende spettacolo. Possibile per il fantastico Manchester City di e per il Napoli di Sarri lanciatissimo in . La Champions stavolta annuncia scintille ma il tecnico azzurro glissa: “Siamo qui per giocarcela, come sempre per vincere, ma la gara col City è quella che conta meno per la qualificazione: gli inglesi dovreero vincerle tutte. Non so se ci sarà turnover: forse nella testa dei ragazzi c’è il pensiero inconscio di essere più competitivi in piuttosto che in Champions. Ci può stare che questo pensiero ci sfiori, ma doiamo essere lucidi e affrontare ogni match senza fare calcoli: sarà il a dirci quali saranno state le partite importanti di questa stagione. I cinque punti di distacco della non mi fanno ne caldo ne freddo: siamo soddisfatti per il buon inizio di stagione, ma sarei un folle se considerassi cospicuo il vantaggio sui bianconeri.”

Che approccio s’aspetta dal Napoli?
“Non doiamo accontentarci di essere qui. Le squadre forti devono giocare sempre manifestazioni importanti e niente è meglio della Champions”.

non crede nel turnover azzurro: gestirà la rosa in chiave Inter?
“Devo solo ringraziare Pep per i compenti che fanno piacere visto che è l’allenatore più bravo al mondo. Dopo Sacchi anche lui ha cambiato il , ce ne renderemo conto tra qualche anno. Ho molta stima di lui. Per il resto non devo fare altri pensieri, possiamo giocare con una discreta continuità e non si paga in questo momento la fatica. Non farò calcoli e domani vedrò chi avrà recuperato dalle fatiche di Roma. Pensare all’Inter saree un errore stupido”.

Cambierà qualcosa contro il Manchester City?
“Loro sono molto evoluti dal punto di vista tattico e tecnicamente sono straordinari, così come fisicamente hanno accelerazioni devastanti e stanno bene mentalmente. L’aspetto tattico è una masturbazione mentale. Faremo il nostro , sapendo che loro possono avere qualcosa più di noi, pur giocando in maniera simile. Se bastasse cambiare atteggiamento tattico per contrastare le squadre forti, queste non sareero esistite. Sarà una serata complicata, ma ai miei chiedo solo di non aver , ma il giusto timore degli avversari perché questo ti dà attenzione e capacità di sofferenza. La invece paralizza. Servirà tanta applicazione difensiva e undici ‘facce da cazzo’ convinte di poter palleggiare davanti al Manchester City”.