ULTIM'ORA

Allegri-Juve, prove di addio e Spalletti si candida!

url-6

di Antonella Lamole - Ha ragione Max. lo sfogo di Doha ha reso più trasparenti i muri dello spogliatoio . Normale? No, giusto.
La scontta è dif da accettare per il bianconero, un ko ai , specialmente per un trofeo, di più.
Il modo in cui è stata consegnata la Supercoppa al Milan, non è accettabile: s’è infuriato anche con sé stesso e lo ribadisce prima di ricominciare con l’anno nuovo.
Una che dura mezz’ora e poi sce dal campo non è la . D’ora in poi basta fesserie e difende quello sfogo anche a settimane di distanza. La squadra va lodata quando fa bene ma bisogna dirgliene quattro soprattutto per atteggiamenti sbagliati oltre gli errori tecnici.

MEZZE VERITA’. Ha ragione anche quando dice che la dovrà cambiare nel controllo della gara perchè troppi sono i gol subiti.
Cosa ha chiesto sul mercato? Rincon è arrivato, ma per riportare Marchisio mezz’ala già per gennaio serve Luiz Gustavo ma non solo.
L’addio di Evra costringerà a prendere anche in difesa. E le richieste del tecnico sono note da tempi non sospetti.

SI CAMBIA? riuta la ne di un ciclo. Ma al di là dello sfogo di Doha il futuro sulla panchina bianconera è in certo. Vero è che già nella passata stagione di questi tempi si pensava ad un addio, poi il rinnovo da top manager. non è in scadenza e alla si trova bene, ma da qui a giugno sono mesi decisivi.
La differenza la farà la . Poi sapremo se quello sfogo sia stato normale, giusto. O la ne di quel ciclo anunciato dal suo mentore Galeone.

A ROMA. Si riparte ancora lontano dall’Olimpico, dopo la sosta natalizia per la Roma è un’abitudine. Ma il Genoa e il rendimento deludente in trasferta potrebbero essere un problema. Lo sa Luciano Spalletti che avverte: “Attenzione loro hanno fatto bene contro Milan e ntus”.

Spalletti dopo la partenza di Iturbe al e di Salah per la Coppa d’Africa fa il punto: “Sembra di essere a Porta Portese, si dice di tutto. Bisogna fare chiarezza. Il mercato poteva anche non esserci perché questa è la squadra che ho scelto. E’ una squadra forte, con ambizioni, che mi sta bene com’è. Salah è dovuto partire e Iturbe è andato via per giocare, quindi bisogna sopperire. Massara sta valutando quello che c’è sul mercato. Ad oggi è Feghouli la pista, inutile nascondere visto che già avete scritto tutto. Ma è solo per rimpiazzare un giocatore”.

Dal mercato una conferma: “Rincon piaceva anche a noi, la e il Napoli con Pavoletti si sono rafforzate oltre ad essere già squadra fortissime, di pari livello come la Roma. Noi siamo forti, loro sono altrettanto forti e hanno portato a casa un giocatore in più. Il valore si vedrà quando si giocherà tanto, perché gli 11 sono già forti senza aver bisogno di metterne uno in più dentro. Nel giocare tante partite diventa un qualcosa in più avere un altro titolare o il dubbio di scegliere a disposizione.

Popi la bomba verso la seria giallorossa… Spalletti non usa diplomazia: “Se andrei alla ntus? Che domandina fa… Mi coglie di sorpresa. Io faccio questo lavoro, ci poteva mettere anche , Inter e Milan. Se continuerò ad allenare, io vado da tutte le parti”.