ULTIM'ORA

Allegri è tranquillo: non è dentro o fuori!

url

di Antonella Lamole – La arriva a Siviglia con tanti infortuni e assenze pesanti soprattutto in avanti, ma cone su una squadra comunque di spessore. Racnda calma, ricordando che per la non è dentro o fuori, anche se ovviamente vuole chiudere il prima possibile il discorso qualicazione.
I temi della vigilia…

MODULO. “Semplice: giochiamo con Cuadrado vicino alla punta, o col tridente”

SIVIGLIA. “È una squadra che concede, ma allo stesso tempo sa fare molto male in avanti. Sarà una bella partita”.

IMPRESA. “Non serve un’impresa. Dobbiamo giocare come sappiamo. È una partita complessa, giochiamo contro la terza forza del spagnolo, che gioca un bel calcio e sappiamo che dobbiamo vincere per ottenere il passaggio del turno”.

CHIELLINI. “Ha recuperato, ma verrà in panchina”.

HIGUAIN. “Sono tipi di infortuni che magari il giorno dopo sono peggio di quel che si pensi. Poi aveva già preso un colpo con l’ e non ce l’ha fatta. Comunque abbiamo i giocatori per giocare questa partita”.

TRIDENTE. “Nel tridente ho tre giocatori che possono giocare con Mandzukic e Cuadrado: uno può essere Sturaro, uno il ragazzino (Kean) e Al Sandro”.

PRIMATO. “Dipende dall’urna. Noi comunque dobbiamo giocare per arrivare primi e chiudere il passaggio del turno e non arrivare all’ultima giornata. Poi sarà l’urna a dircelo: quando siamo arrivati in nale siamo arrivati secondi nel girone. Ora arrivare primi o secondi non cambia tanto, ma bisogna qualicarsi prima di tutto”.

CARTE SCOPERTE.”Noi abbiamo l’obiettivo di giocare per vincere, fare e qualicarci. Poi davanti abbiamo il Siviglia, che è una squadra forte e pericolosa, come tutte le squadre che si affrontano in ”.

OUTSIDER. “Giocheremo la nostra partita, cercando di sfrute quello che concedono in fase difensiva, stando attenti a cosa faranno in , ricordando che sono pericolosissimi anche sui palloni inattivi. L’anno scorso abbiamo giocato bene, abbiamo fatto una delle nostre migliori partite, ma non l’abbiamo messa dentro”.

PJANIC E BENATIA. “Benatia ha un problema al ginocchio, lo valuteremo quotidianamente. Pjanic sta bene, l’ho tenuto in panchina col Pescara perché aveva giocato tante partite e aveva bisogno di riposare, ma domani gioca. Così come Marchisio”.

MANDZUKIC. “Tornare in panchina dopo il rientro di Dybala e Higuain? Magari giocheremo a tre. Ma come ho detto la stagione è lunga, ci sarà tempo e spazio per tutti. Lui in questo momento sta facendo bene, come aveva fatto l’anno scorso in questo periodo. È stato importante l’anno scorso e lo è quest’anno”.