ULTIM'ORA

Allegri e Sarri pronti all’addio: sconfitta per tutti!

30112017ITPERFORMALLEGRISARRIPV21512053960070287_896-kkzG--896x504@Gazzetta-Web

di Paolo Paoletti - Vincere lo scudetto e dire addio! E’ la legge del mercato, cui il si piega nonostante e Roma tra le migliori otto d’Europa, seppur subissate da Real e

Premier e Ligue1 guardano alla serie A: Allegri e Sarri nel mirino di e Monacò: chi vince paga?
Sembra questo il destino di Agnelli e proprio quando Andrea è arrivato al culmine della Eca portandosi dietro Aurelio che a parole odia la ma poi ne accetta i benefici.

ntus e si sfideranno fino alla fine, otto partite e 24 punti in palio. Tanti per ritenere i 4 di vantaggio bianconero una sicurezza.
Certamente fino al 22 aprile, il salirà a Torino per la partita delle partite. Ma accadde già a Vinicio ed il suo champagne alla fine degli anni Settanta. Sappiamo con quale epilogo.
Ma Sarri dopo aver visto in tivvù il Real spera…

non è Cr7, Insigne non è Isco, sopra Jorgino-Allan-Hamsik non sono Modric-Casemiro-Kroos ma l’idea di come affrontare lo um è la stessa e potrebbe realizzare il gran colpo.
Alla fine resterà un vincitore ma il potrebbe perdere entrambi i condottieri: MaX Allegri e Maurizio Sarri.

CAPOLINEA ALLEGRI. Dopo la finale persa a Cardiff, la ha rinnovato il contratto di Allegri fino al 30 giugno 2020. Restano 2 anni che non coincidono con altri 2 di questo ciclo bianconero.
La rosa dovrà subire cambiamenti profondi non aggiustamenti e non è detto che la cosa esenti la panchina.
Il corteggia Allegri per il dopo Conte e la stessa ha dei dubbi se continuare con Max.
Inzaghi e Zinedine Zidane sono suggestioni credibili per un nuovo progetto.

I MIRACOLI SONO FINITI. Sarri e vivono analogo stallo: Maurizio chiede gratificazione economica e garanzie tecniche. Non ha vinto niente, è ‘giovane’ di alta classifica, ADL gli nega il richiesto (4 milioni) e per adesso bluffa sul mercato.
Il rapporto è arrivato ad un punto di rottura sul rinnovo. Sopra sul progetto e le scelte di giungo.
Sarri chiede top player, segue dritto sui giovani che costano poco, sopra di ingaggio.
La via d’uscita è la clausola rescissoria da 8 milioni e fino al 31 maggio che consente al tecnico di liberarsi. Secondo il Corriere dello Sport il Monaco sarebbe pronto a versarli con un ingaggio da 6 netti a Maurizio. Oltre mercato da rilancio per la squadra del Principato.

EPILOGO. Come finirà? La certezza è la tristezza che esprime il : e rischiano di perdere gli allenatori. E con diverse è sempre una sconfitta.