ULTIM'ORA

Allegri e Ancelotti contestati… Conte e Sarri tornano!

5add496e-maurizio-sarri-antonio-conte-napoli-chelsea-2017-18_1p29usa5egcdl14x1dqhmk3jp2

di Paolo Jr Paoletti - al suo quinto consecutivo, sotto accusa per l’einazione Champions, guarda con preoccupazione alla conferma bianconera.
Ancelotti ancora peggio, ha impiegato un anno per capire chi è da Napoli e chi no, sommando einazione dalla , secondo posto a distanza siderale dalla Juve, einazione in Champions e in Europa League, la seconda contro un mediocre Arsenal.

I tecnici che hanno lasciato posto ai primi due allenatori italiani, stanno per tornare: dove?

Uno lo hanno avvistato a Milano dalle parti della sede dell’Inter, ma lo rivogliono (alcuni tifosi) a e lo sognano (Totti in primis) a Roma. L’altro guarda nervosamente l’logio, perché il countdown verso l’atteso “come back home” sembra non finire mai e – ancora – c’è quella scocciatura chiamata Europa League da conquistare. In comune hanno Londra. Soltanto Londra. E un bisogno fisico di rilanciarsi dopo aver fatto i conti con le bizze di Abramovich e del popolo di Stamford Bridge. Antonio Conte e Maurizio Sarri, due cui viene fa aggrapparsi quando c’è da ripensare al , due che torneranno a casa, due che però, poi, chissà dove e chissà con chi.

Antonio Conte scherza con le fotografie in . Sorriso particolarmente aperto, livello di ansia mai basso come in questo momento, sul tramonto di un anno saatico che un po’ si è cercato e un po’ gli è capitato lì per caso. Le sfoglia, ammicca, dice “questa no” o “questa però ha un bel progetto” e sa Dio a chi si riferisce. Di certo il progetto è al centro dei suoi pensieri. Vuole rilanciarsi, questo sì, ma anche una sfida bella da giocarsi e la possibilità di immaginarsi già vincente, o almeno competitivo. Dicevamo Inter, perché in molti sono certi che quella sarà la sua destinazione. Questo era, almeno, fino a una settimana fa. Perché poi è rispuntata dal nulla la Juve e mica è detto che non possa riprendere da la sua panchina. Percentuali che oscillano manco un titolo in Borsa. Senza dimenticare la Roma, perché anche dalle parti del Colosseo pensano a rifarsi il look e mettersi addosso il trucco buono delle grandi occasioni. Inter, Juve o Roma. E il Milan? Un anno fa sembrava fatta, poi tutto è sfumato anche (o solo) per colpa di Abramovich. Chissà che non se ne riparli…

Intanto si parla, eccome, di Sarri. Le ultime indiscrezioni lo segnalano nel mirino del Milan. Si lavora sotto traccia, dicono. Lui e Insigne, spiegano. Per ripartire dal punto fermo del gioco e dai fedelissimi. A Napoli c’è più di un suo pupillo in partenza e Sarri, se può, gli amici li fa sedere volentieri alla sua tavola (vedi Jorginho e Higuain). Però Sarri piace anche alla Roma, di nuovo. Due squadre, un posto solo in Champions e uno solo in panchina. Di qui all’ipotesi due il passo è brevissimo: Sarri al Milan, Gattuso in giallsso, anche lui con la benedizione di Totti, che Rino lo adora come uomo e tanto basta. Tic toc, tic toc, è solo un logio che consuma secondi una giornata di dopo l’altra. Antonio Conte da una parte, Maurizio Sarri dall’altra. Perché a volte tornano. Già, ma per andare dove?

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply