ULTIM'ORA

ADL, Abramovic gli toglie il sonno: Sarri decide?

url-4

di Mary Bridge – Il pensa a Sarri. Abramovich non vede l’ora di cacciare Conte per chiudere con il tecnico del Napoli. Non fa però. Il suo grande sponsor in è stato Guardiola, che sarebbe felicissimo di avere un altro allenatore capace di insegnare calcio nel più sico e più ottuso del mondo!
I Blues hanno ascoltato Pep, vericato di persona, assistito alle sde Napoli-City e poi deciso: yes Maurizio it’s ok! Peraltro Sarri parla benissimo inglese e ciò aiuta eccome.

Però… c’è da pagare la penale a Conte che si è guardato bene dall’ammettere la corte della Nazionale: “ho un contratto col , voglio onorarlo”. Ovvero voglio no all’ultima sterlina per andarmene. E c’è da fare in fretta perchè Sarri può rmare entro la data della clausola, ne maggio, ma certamente non decidere allora.

Roman Abramovich, ha allacciato i rapporti, riflette, alla ne metterà mano alla tasca per pagare la clausola di Sarri e la penale di Conte. Il Napoli sa , ha fatto un buco nell’acqua – per adesso – nella visita di gline Valdarno, Casa Sarri, quando offrì al tecnico di essere il plenipotenziario azzurro con stipendio da 4,5 milioni netti e budget per il mercato. All’inglese insomma.

Il primo round è andato male, Sarri ha preso tempo. Non troppo. Lo farà no a dopo Pasqua, o giù di lì, quando sarà certo di andarsene o rimanere. Altrettanto non aspetterà il 31 maggio, pronto a ritirare tutte le proposte faraoniche nella certezza che Sarri non avesse nessuno alle spalle che paghi 8 milioni!

Bella lotta, stavolta senza bluff. E questo a Castel Volturno non è mistero.
ADL sa che per il la clausola non è un ostacolo ed il pmo incontro con l’allenatore programmato il pmo 9 febbraio servirà per capire le sue i intenzioni per il futuro. Incontro ancora locutorio.

Come è piccolo il mondo e come è galantuomo il tempo: appena 8 mesi fa, quasi facendo un favore aumentò lo stipendio del tecnico imponendo la clausola rescissoria. Felice di aver ‘imprigionato’ Sarri con una montagna di soldi.
Oggi farebbe carte false per cancellare , raddoppiargli lo stipendio, promettendo mari e monti.
“La clausola? La toglierei subito”, ha confermato ieri ADL.

diva reminiscenza di un borioso!