ULTIM'ORA

AAA vendesi, ADL zarellaro di lusso: per Hamisk 15 mln!

BRQWxOFCMAA7vw9

di Paolo Paoletti - A pochi minuti dalla fine di -Samp, la sembra quasi inutile.
Conta solo parlare di
È inaccettabile vendere Marek a feraio. È inaccettabile per un che doveva arrivare in fondo a tutte le competizioni, perchè Ancelotti non è venuto a pettinar bambole!

L’addio di , infatti, è la negazione di ciò detto negli ultimi anni da : dedizione, educazione, attaccamento alla maglia!

se ne va per , tanti. DeLa lo lascia andare per : 15 milioni dal Dalin.
Quindi lasciamo stare i simboli definitivamente.
E mi da fastidio che vada via avendo superato il record di gol di Maradona: una eresia!

È inaccettabile peraltro non aver sostituito tecnicamente e tatticamente. Serviva un giocatore di grande qualità già dopo la partenza di Jorginho!

vuole fare una nuova esperienza, nessuno si sente di dire no. Troveremo le soluzioni alternative per la sua assenza, aiamo giocatori per sopperire alla sua assenza, anche se le sue caratteristiche sono uniche”: Carlo Ancelotti ha salutato Marek da uomo-società, spiegando le soluzioni.

Una che ridimensiona il club e la squadra!

SEGRETO. Perché chiudere la trattativa il 2 feraio? Perchè entro il 31 gennaio saree stato chiesto da tutti un sostituto! Ma un’operazione da 8-9 milioni di stipendio per e quasi 20 per il non è nata dal nulla e certamente non nelle ultime quarantotto ore.

Fornals aveva già detto sì al , era pronto il suo transfer: lo spagnolo ha una clausola da 30 milioni, bisognava solo prenderlo.

Ma non ha voluto comprare nessuno, etichettandosi come un mediocre, quale è!
Non ricordo un grande club, una società che ha una forte voglia di ascesa, cedere così il suo capitano.
Acntare così significa ammettere che t’importa solo incassare, fare lo store di lusso.

Dopo l’addio alla . Dopo aver chiuso già a gennaio la corsa scudetto, nonostante essere tornati a -9 dalla Juve. Dopo l’addio alla , il quarto pesantissimo colpo arriva al primo anno di Ancelotti.
Proprio lui che aveva creduto di poter affidare la squadra ai piedi dello slovacco.

Che schifo!

* ‘O zarellare (o zagarellaro) era il merciaio.
Di solito disponeva di una piccola bottega o di un carretto ambulante e il suo commercio prevedeva la vendita di “qualsiasi cosa”, dalle caramelle ai giocattoli, dagli articoli per la casa a quelli per i vestiti. Ed è proprio da quest’ultimo settore che prende il nome questo mestiere visto che le donne accorrevano da lui per comprare nastri, stringhe, spilli, bottoni e stoffe, insieme di accessori che in dialetto prendeva il nome di zagarelle. Col tempo, poi, la sua merce si arricchì e ci si poteva rifornire di scope, secchi, stracci, caramelle, alcool, insetticidi, alcool, ovatta e addirittura siringhe per le iniezioni.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply