ULTIM'ORA

Rigori: Higuain non tira più, Hamsik solo 7 gol su 16.

C_29_articolo_1084626_upiImgPrincipaleOriz-1

di Paolo Paoletti - Diffi a volte, per chi capisce di , accettare la legge del risultato: il Napoli vince a Bergamo dopo anni; gioca in 10 per una 20 minuti, avrebbe potuto segnare almeno 6 , è terzo per differenza reti a 35 punti con la , eppure da due mesi non è più il Napoli di Sarri. Primo novembre, tutti i Santi, da Genova in poi, gli azzurri hanno perso colpi partita dopo partita. I santi stanno facendo il resto.
Bisogna dirlo forte, senza Higuain non c’è Napoli!
E nonostante la doppietta anche Gonzalo non è più lui: quest’anno non era mai accaduto che sprecasse 3 e la notizia che non è lui il rigorista fa dubitare della salubrità mentale di Maurizio Sarri.
Il Napoli infatti scopre questa novità al primo rigore dell’anno affidato ad : trasformazioine fortuna che batte sotto la traversa e rimbalza in campo dopo aver varcato la linea.
aveva appena sbagliato in Coppa ma Sarri l’ha confermato rigorista. Giusto.
Ma se sbaglia il secondo penalty dopo pochi minuti, una scelta giusta diventa errore ingiustificabile.
Marek non è un rigorista: non basta calciare pulito per tirare dagli 11 metri. ha forti carenze di personalità e non sopporta la tensione dal dischetto: dopo 16 rigori calciati in serie A, ne ha trasformati solo 7. E’ chiaro che Sarri sbaglia ad affidarli a lui….
Così come sbaglia ad intestardirsi asul solito tridente Callejon-Higuain-.
In questo momento, merita di giocare. E’ più in palla di da tutti i punti di vista.
C’è Bassi al posto di Sportiello, fermato dalla febbre. In avanti Moralez con Denis e Gomez, fanno e disfano.
L’ in casa è un osso duro, ma le molte assenze ed un ritmo troppo basso assecondano il Napoli. Che fatica a palleggiare e si affida ai contropiede dettati direttamente da Rejna.
Pronti via e il portiere spagnolo salva su Moralez. Tutti cercano Higuain ma il Pipita ne spreca 3:
1. al 5′ su rilancio di Reina controllando il pallone con un braccio;
2. al 14′ su un filtrante di Hysaj;
3 al 27′, quando non calcia subito di sinistro facendosi recuperare da Paletta.
Un’altra palla- capita sui piedi di , che spara in rinnegando l’a-b-c del !
Hysaj fatica a tenere Gomez. Moralez ha un’altra occasionissima al 21′ di testa ma sbaglia. Reina respinge con sicurezza un sinistro-razzo di Cigarini.
Due rigori e la doppietta di Higuain fanno dimenticare ai tifosi.
Ma chi capisce di , sa che la classifica è bugiarda e il campo no!

TABELLINO. -Napoli 1-3
(4-3-3): Bassi; Bellini (18′ st Raimondi, 33′ st Masiello), Stendardo, Paletta, Brivio; Cigarini, De Roon (33′ st D’Alessandro), Grassi; Moralez, Denis, Gomez. A disposizione: Sportiello, Radunovic, Toloi, Suagher, Migliaccio, Estigarribia, Monachello. All.: Reja.
Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan (20′ st Lopez), Jorginho, ; Callejon, Higuain, (27′ st ). A disposizione: Rafael, Gabriel, Maggio, Henrique, Chiriches, Strinic, Valdifiori, Chalobah, Gabbiadini, El Kaddouri. All.: Sarri.
Arbitro: Rocchi
Marcatori: 7′ st rig. (N), 9′ st Gomez (A), 17′ st, 40′ st Higuain (N)
Ammoniti: Cigarini (A), Koulibaly (N)
Espulsi: 29′ st Jorginho (N) per doppia ammonizione per comportamento falloso